Come svegliare un criceto dal letargo

Svegliare un criceto dal letargo può sembrare semplice, ma non lo è: svegliarlo di soprassalto può causargli un infarto e la conseguente morte, soprattutto nei criceti domestici, che non sono abituati a tale comportamento, sebbene istintivo della loro specie. I criceti domestici, infatti, non vanno in letargo salvo casi rarissimi e ascrivibili a disattenzioni da parte di padroni inesperti che espongono la gabbietta al freddo invernale.

La causa più comune per la quale i criceti domestici vanno in letargo, infatti, è quando la gabbia è posizionata vicino a una finestra, o peggio, all'esterno dell'abitazione, anche solo per poche ore. Quando la temperatura esterna scende al di sotto degli 8 gradi, il criceto inizia a prepararsi per il letargo: tenderà a mangiare di più, riempirà le sue sacche guanciali e preparerà il suo nido. Una volta iniziato il letargo, il criceto sembrerà non dare segni di vita. È questo il momento in cui molti padroni di allarmano.

Come capire se un criceto è morto o è in letargo

Il freddo intenso può effettivamente uccidere un criceto, ed è proprio per questo motivo che questi piccoli roditori attivano questi meccanismi biologici di sopravvivenza. Il problema per noi padroni umani sta nel riconoscere un criceto che è andato in letargo da un criceto morto, perché capita spesso che dei criceti in letargo vengano considerati morti, con le macabre conseguenze del caso.

Quando il criceto va in letargo, infatti, il suo battito cardiaco diminuisce fino a ridursi quasi a zero, il suo metabolismo rallenta, la sua temperatura corporea diminuisce e non fa un singolo movimento durante il sonno. A questo punto, se abbiamo un dubbio, dobbiamo cercare degli indizi.

Per prima cosa, devi controllare se respira: sebbene sia quasi impercettibile, il criceto continua a respirare, il che significa movimento della cassa toracica. Osserva con attenzione, prenditi qualche minuto. Se non riesci ancora a intercettare il respiro, allora controlla se le sacche guanciali sono piene: spesso i criceti vanno in letargo mantenendo del cibo ai lati della bocca, così da risparmiare ulteriormente le forze per nutrirsi, mentre invece le svuotano se si sentono affaticati e faticano a muoversi, circostanza frequente in caso di ipotermia. Un altro modo è quello di toccarlo con estrema delicatezza e verificare se l'animale è ancora morbido al tatto. Se lo è, vuol dire che non c'è rigor mortis, quindi è vivo.

Inoltre, puoi controllare l'ambiente circostante: il nido è ben preparato? C'è del cibo non consumato che è stato trasportato dalla ciotola? Qualsiasi elemento di questo tipo potrà dirti se il criceto è in letargo oppure no. Nel dubbio, puoi sempre videochiamare un veterinario sull'app di VetOnline24.

Le fasi del risveglio

Per svegliare un criceto dal letargo bisogna attraversare varie fasi. Abbiamo già detto che svegliarlo di soprassalto potrebbe causare la sua morte, ma non è l'unica cosa a cui fare attenzione: si potrebbe pensare, infatti, che sia solo una questione di temperatura e che quindi basterà riportare l'animale al caldo per farlo risvegliare. In realtà uno sbalzo di temperatura troppo violento mette comunque a repentaglio la sua vita.

Quello che bisogna fare è gestire la transizione in maniera graduale.

In una prima fase, riporta il criceto in casa, lontano dalla finestra, ma in un luogo comunque arieggiato. Se dopo qualche ora non cambia nulla, allora puoi posizionare la gabbia in un'altra stanza in cui la temperatura è stabile, diciamo intorno ai 15 gradi. A questo punto, il criceto dovrebbe iniziare a risvegliarsi. Se ciò non succede, ti consigliamo di tenere il criceto tra le mani accarezzandolo molto delicatamente.

Dopo il risveglio, il suo istinto naturale sarà quello di idratarsi e nutrirsi, quindi offrigli del cibo, includendo anche un po' di frutta per restituirgli un po' di zuccheri, e dell'acqua. Infine, nell'ultima fase del risveglio, potrai portare la gabbietta anche nelle stanze con riscaldamento, purché tu non lo esponga al calore diretto.

A questo punto, dovrai solo dargli qualche ora di tempo per riprendersi completamente e tornerà a muoversi e scorrazzare in giro come sempre.

Aggiungi un commento
RadEditor - HTML WYSIWYG Editor. MS Word-like content editing experience thanks to a rich set of formatting tools, dropdowns, dialogs, system modules and built-in spell-check.
RadEditor's components - toolbar, content area, modes and modules
   
Toolbar's wrapper  
Content area wrapper
RadEditor's bottom area: Design, Html and Preview modes, Statistics module and resize handle.
It contains RadEditor's Modes/views (HTML, Design and Preview), Statistics and Resizer
Editor Mode buttonsStatistics moduleEditor resizer
 
 
RadEditor's Modules - special tools used to provide extra information such as Tag Inspector, Real Time HTML Viewer, Tag Properties and other.
   
Nominativo
E-mail   (non viene visualizzata)
Antispam
 

Video Presentazione
Registrati, testa gratuitamente la videochiamata, previeni i problemi del tuo animale!
Confrontati con medici veterinari qualificati, sempre raggiungibili in ogni momento, 24 ore su 24 con qualsiasi sistema operativo, con smartphone o computer, e ottieni i migliori suggerimenti per la salute e il benessere del tuo animale.




Video
Dicono di noi
Download App VetOnLine24
Scopri la Nuova App di VetOnline24
Effettua il download per il tuo smartphone.

Scegli il download in funzione del tuo sistema operativo.
Clicca su Apple Store o Google Play per cominciare il download.
Contatta VetOnLine24
Se vuoi segnalare eventi relativi al mondo animale, far porre all’attenzione un argomento su cui avresti bisogno di informazioni qualificate, o semplicemente hai dubbi o domande sulla nostra piattaforma e sull’app VetOnLine24, registrati e compila il form all’interno della piattaforma.
Veterinari Online
24 ore su 24
Senza appuntamento
Copyright © 2017 VetOnLine24 - di LGF srl - P.IVA 13674721009