Gatto con la coda rotta: come comportarsi

Molto spesso i padroni cadono in un errore molto comune che riguarda l’anatomia del gatto, la tendenza è quella di categorizzare la coda come se fosse un muscolo dell’animale. Questo è un errore comprensibile, in quanto la flessibilità di questa parte del corpo può trarre in inganno, ma ritrovarsi con un gatto con la coda rotta è un pericolo reale.

In realtà, la struttura della coda del gatto è composta da un insieme di vertebre, e possiamo considerarla come un prolungamento della colonna vertebrale il cui interno si compone anche di muscoli molto elastici, oltre ovviamente al rivestimento di pelle e nella parte più esterna dalla classica peluria.

Potrebbe sembrare inutile, ma è probabilmente una delle parti del corpo più importanti, perché gli consente di mantenere l’equilibrio e di muoversi agilmente anche nelle situazioni più difficili.

Come riconoscere una coda rotta

Lo stile di vita dinamico e avventuroso dei felini spesso mette a repentaglio questa loro parte del corpo, la quale risulta essere molto più esposta rispetto ad altre. Non a caso, uno dei punti più vulnerabili è proprio la coda.

Può capitare, infatti, che in una caccia sfrenata, un combattimento o semplicemente durante un salto la coda subisca una frattura, ma come puoi riconoscere a colpo d’occhio una lesione della coda?

Ecco alcune avvisaglie:

  • Appare visivamente bassa e piegata;

  • Notiamo una ferita con fuoriuscita di sangue;

  • Il gatto non solleva la coda quando cammina;

  • La coda è gonfia e gli fa male quando proviamo a toccarla;

  • Può avere episodi di diarrea e perdite di urina.

Ovviamente queste sono soltanto alcune delle possibili manifestazioni, è importante tener presente infatti che una frattura della coda provoca molto dolore nel gatto, quindi se si dovesse lamentare o allontanare quando gli sfiori la coda, questo è un segnale da non trascurare.

Altri possibili problemi

La frattura della coda non è l’unico possibile problema, esistono anche altri tipi di lesioni da schiacciamento o stiratura che necessitano dell’intervento veterinario.

Come accennato sopra, la coda è una parte del corpo molto esposta, pertanto bisogna fare molta attenzione a non schiacciarla violentemente (ad esempio quando chiudiamo la porta distrattamente) o tirarla bruscamente.

Cosa fare se vedi un gatto con la coda rotta

La cosa più importante in queste situazioni è non aggravarle, magari cercando soluzioni temporanee. La cosa più intelligente da fare è come sempre rivolgersi ad un esperto avendo cura di trasportare il micio in maniera adeguata, cercando di non sballottolare troppo la gabbia o il gatto stesso.

Soltanto un veterinario potrà determinare la causa del trauma e associare il giusto trattamento, che può prevedere una steccatura associata a un ciclo di antibiotici o una parziale amputazione della stessa, fino alla completa asportazione.

A prescindere da quale sia la diagnosi del veterinario, ci sarà sicuramente una cura associata e un periodo di convalescenza che varia a seconda della gravità e dell’intervento apportato.

Qualora il micio dovesse subire l’amputazione totale della coda, è importante stargli molto vicino per farlo abituare alla perdita non solo di una parte importante del corpo ma anche del suo baricentro.

Anche se la convalescenza può essere più o meno lunga (circa tre settimane), presto il gatto saprà adattarsi alla situazione e ritrovare il suo equilibrio. Nel caso in cui il gatto subisca interventi, bisogna far attenzione alla eventuale ferita post-chirurgica tenendola sempre pulita e protetta. 

Una frattura della coda di norma non porta gravi conseguenze, se trattata con le dovute cure e nei tempi giusti, ma benché risanata, potrebbe lasciare la coda storta senza conseguenze dolorose per il felino.

Abbiamo cercato di includere tutte le avvisaglie che possono essere collegate a una frattura o lesione della coda, ma la cosa più importante è come sempre intervenire velocemente.

A volte non è facile notare alcuni segni, perché non sempre sono evidenti. Il nostro consiglio è di osservare quotidianamente se il gatto cambia le sue abitudini, questo è sicuramente un buon punto di partenza per prenderti cura del tuo migliore amico e non trascurare alcun dettaglio del suo benessere.


Aggiungi un commento
RadEditor - HTML WYSIWYG Editor. MS Word-like content editing experience thanks to a rich set of formatting tools, dropdowns, dialogs, system modules and built-in spell-check.
RadEditor's components - toolbar, content area, modes and modules
   
Toolbar's wrapper  
Content area wrapper
RadEditor's bottom area: Design, Html and Preview modes, Statistics module and resize handle.
It contains RadEditor's Modes/views (HTML, Design and Preview), Statistics and Resizer
Editor Mode buttonsStatistics moduleEditor resizer
 
 
RadEditor's Modules - special tools used to provide extra information such as Tag Inspector, Real Time HTML Viewer, Tag Properties and other.
   
Nominativo
E-mail   (non viene visualizzata)
Antispam
 

Video Presentazione
Registrati, testa gratuitamente la videochiamata, previeni i problemi del tuo animale!
Confrontati con medici veterinari qualificati, sempre raggiungibili in ogni momento, 24 ore su 24 con qualsiasi sistema operativo, con smartphone o computer, e ottieni i migliori suggerimenti per la salute e il benessere del tuo animale.




Video
Dicono di noi
Download App VetOnLine24
Scopri la Nuova App di VetOnline24
Effettua il download per il tuo smartphone.

Scegli il download in funzione del tuo sistema operativo.
Clicca su Apple Store o Google Play per cominciare il download.
Contatta VetOnLine24
Se vuoi segnalare eventi relativi al mondo animale, far porre all’attenzione un argomento su cui avresti bisogno di informazioni qualificate, o semplicemente hai dubbi o domande sulla nostra piattaforma e sull’app VetOnLine24, registrati e compila il form all’interno della piattaforma.
Veterinari Online
24 ore su 24
Senza appuntamento
Copyright © 2017 VetOnLine24 - di LGF srl - P.IVA 13674721009